FARMACI. Paghi uno e prendi due, ma non è un risparmio…

FARMACI. Paghi uno e prendi due, ma non è un risparmio…
Di Laura Turriziani

 

Sembra il teatro dell’assurdo, ad essere aulici, oppure una barzelletta, per rimanere più easy, e suscitare una facile risata. E invece si tratta di una legge, neanche tanto recente, che però solo adesso a quanto pare si è deciso di far rispettare. Anche se, come andremo a vedere, aggirarla è piuttosto semplice. Solo, è più costoso, e francamente espone al rischio di prorompere in turpiloquio.
Di che si tratta? Di quel diniego che sempre più spesso nelle farmacie su e giù per lo Stivale un povero cliente/paziente afflitto da improvviso attacco di mal di testa o mal di denti, o mal di qualsiasi altro “pezzo” del proprio corpo, si sente opporre quando chiede di avere quel suo particolare antidolorifico, a quella particolare dose che solamente gli fa effetto.
“Serve la ricetta del suo medico”. “Come? Per una Tachipirina da 1000 mg la ricetta? Ma non è un farmaco da banco?”. “Certo – risponde con pazienza il farmacista – ma senza ricetta posso dargliela solo con dosaggio 500 mg”. “Ma ora non posso andare dal mio medico, sono fuori sede ed è anche domenica… – risponde il pover’uomo, interdetto. “E va bene– continua poi, sempre più irritato ma che non vede l’ora di porre fine ai suoi tormentosi dolori – mi dia la confezione da 500, vuol dire che me ne calerò due assieme!”
Già, perché se la legge impedisce di “farsi del male” o di “drogarsi” di Tachipirina 1000 mg senza ricetta medica, nulla vieta di farsi del male o di drogarsi con due compresse di Tachipirina 500 mg, che ingoiate insieme fanno…1000 mg!
Tachipirina come ibuprofene o come ogni altro farmaco da banco sottoposto al vincolo dei dosaggi. Entro un certo limite sono farmaci “over the counter”, superata la soglia ci vuole la ricetta medica.
Poca chiarezza e facile aggiramento
Il cervellone che ha partorito un simile non-sense, o l’ha fatto in un momento di poca lucidità oppure…a pensar male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca, diceva un noto e ormai defunto politico dell’Italia che fu.
Perché una confezione da 500 mg di Tachipirina (è sempre un semplice esempio tra gli altri) che compro liberamente, mi costa un tot e mi dura un tot. Se ho bisogno di doppia dose, la confezione mi durerà metà tempo. Oppure dovrò comperarne due…con doppia spesa…Insomma, ci sembra che ci sia poca chiarezza in materia, e finora quasi nessun farmacista aveva opposto diniego alla vendita senza ricetta di questi medicinali da banco a particolare dosaggio. Ma le cose sono cambiate, ed i NAS dei Carabinieri stanno facendo controlli a tappeto. Ed elevando multe pesanti ai farmacisti trasgressori.
Per cui non rimane che attrezzarsi. La prossima volta che andremo dal nostro medico, ricordiamoci di fare scorta di ricette per i farmaci da banco. Ricette bianche, ovviamente, quelle con le quali i farmaci comunque si pagano tutti interi.

Laura Turriziani

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi richiesti sono marcati con *

Puoi usare tagsHTML e attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*