SI INVITANO SOCI E ABBONATI A PORRE LA MASSIMA ATTENZIONE AI TRUFFATORI CHE TENTANO DI CARPIRE LA LORO BUONA FEDE PER ACQUISIRE ILLECITI GUADAGNI. SE AVETE DEI DUBBI CONTATTATE IL SINDACATO, CHE HA SPORTO QUERELA CONTRO IGNOTI. LEGGETE IN QUESTO SITO.

VOTA L’EROE DEL BICENTENARIO E IL CARABINIERE ATLETA PIÙ FAMOSO

di G. Giulio Martini

“ ... pezzi di passato: valori nel presente,
che ci piace restassero nel futuro “


Fervono in tutta Italia le celebrazioni per lo storico “Bicentenario della Fondazione dell’Arma dei Carabinieri”, (1814-2014) e anche l’ Università dei Saggi “Franco Romano” incardinata nell’ANC (Ass.Naz.Carabinieri in congedo) ha concepito e, quindi, messo a regime una iniziativa di grande impatto. Incentrata su un sondaggio (il primo della Storia) aperto a tutti coloro che hanno indossato i fulgidi Alamari del Carabiniere e per tutti coloro che credono nell’opera meritoria della Benemerita, l’indagine tende ad illustrare la mitica figura del Carabiniere… nei secoli fedele.
Fondata sulla percezione che suscita la figura del militare dell’Arma nell’immaginario collettivo, l’iniziativa si propone di andare dritta alla fonte di questo straordinario personaggio. Uomo di legge certamente si!, ma anche figlio, padre, marito e nonno che, a forza del suo umano “servire”, del farsi “prossimo” e del suo altruismo sempre pronto ed assoluto, è riuscito a ritagliarsi immense nicchie di simpatia: con ragioni da vendere, nel contesto della società civile.
Questo lo scopo ed il proprium del sondaggio del quale è possibile prendere visione sul sito www.bicentenarioarma.com. «Uomo…Vir avrebbe detto Virgilio, in cui ciascuno possa riconoscersi e riscoprire in Lui l’ orgoglio e il senso dell’appartenenza; il personaggio del cuore che ha fatto grande l’Arma e meglio di ogni altro l’ha avvicinata a Dio. Il Personaggio che, sacrificando se stesso, come il buon Samaritano, a vantaggio del prossimo: il più delle volte sconosciuto, ha onorato l’Arma e l’umanità intera. Eroi ed eroismo a cui vogliamo confermare la nostra stima e garantire un futuro rispettato e onorato. Votare un Carabiniere Eroe vissuto o vivente nel Bicentenario ma anche un Carabiniere Atleta del Centro Sportivo dell’Arma del quale ricorre, appunto, quest’anno il cinquantennale della costituzione, vuol dire rivisitare i “ricordi del cuore” che ognuno possiede nella memoria. Pezzi di passato, vivi nel presente, che piacerebbe restassero nel futuro. E che, In occasione delle celebrazioni del bicentenario della costituzione dell’Arma Benemerita, vorremmo onorare degnamente. Un esemplare gesto di sensibilità nei confronti di chi… per la Patria ha dato e continua a dare moltissimo.

Perché votare

Perché segnalare un gesto, un personaggio o un luogo dell’anima o chi, con le sue gesta umane o sportive ha illustrato ed onorato il proprio Paese, accende la stima delle persone che condividono la stessa scelta di vita o hanno indossato o portano la loro stessa Divisa e, quindi, sentono il bisogno di ringraziare loro e/o i loro familiari per l’approdo umano, militare, civile e religioso che con le loro gesta eroiche, hanno lasciato al mondo. E soprattutto alle giovani generazioni. La nostra eredità morale; il nostro patrimonio intangibile. Gesta ed esempi che per i giovani incarnano lo spirito, l’essenza stessa della Legge, della Legalità, del buon vivere civile e il senso del rispetto del prossimo. In agone i nomi di antichi Eroi come Chiaffredo Bergia, Scapaccino e Salvo D’Acquisto o più recenti quali Carlo Alberto Dalla Chiesa, Umberto Rocca e il Capitano Ultimo e di tanti altri Campioni dello Sport tra i quali Raimondo D’Inzeo, Alberto Tomba, Fabrizio Innamorati che ha scalato l’ Everest od il Maresciallo Tosi che, con i colori dell’Arma, ha conquistato la prima Medaglia Olimpica ecc .ecc.. Di tutto questo e di molto altro ancora si può prendere visione visitando il sito o scorrendo la vastissima bibliografia sulla stessa Arma.

Le parole del Generale Richero

“ L’idea -scrive il Gen. C. d’A. Giuseppe Richero, Fondatore e Magnifico Rettore di UniSaggi, nel supplemento speciale InformaSaggi - nasce dal desiderio di aggiornare i propri intenti operativi (educazione civica in prima istanza), con aggiornate metodologie: adattate alle vincolanti esigenze della globalizzazione, della spending review, della diffusione del digitale con inequivoci incrementi della produttività, di recupero personale e tant’altro; capaci, in particolare, di interagire con le giovani generazioni, troppo spesso criticate per presunto disinteresse e censurabile assenteismo; aperte alla cooperazione con Enti (specie Università della terza età) ed ala Scuola, Associazioni Combattentistiche, d’Arma e di Volontariato che condividono similari finalità. Per facilitare la scelta dell’Eroe e dell’Atleta più illustre - rilancia il Generale-Rettore - vengono indicati nel sito e per ciascuna categoria 10 nomi con annesse foto e sintetiche notizie sulle benemerenze acquisite. Ovviamente, trattandosi di scelte di simpatia, il voto può essere dato a chiunque abbia servito la Patria con i nostri alamari. In sintesi, il sondaggio mira a promuovere la “Carabinierità”. Tempi lunghi abbiamo scelto per la chiusura del sondaggio (15 novembre 2014), consci della novità dell’esperimento e dell’esigenza di diffonderne la conoscenza. Nel chiedere ampia diffusione (dobbiamo giungere a un elevatissimo numero di votanti), aggiungo che qualsiasi forma di segnalazione è ammessa: lettera a mezzo posta, e-mail internet, messaggi, whats app. ed altro. Nel dubbio, consultateci con qualsiasi strumento disponibile ed avrete risposte tempestive. In conclusione, sentiamo gli uomini di oggi come smarriti in un mondo senza ideali, senza etica, ma sinceramente assetati di verità, di giustizia, di amore. Forse erano tali anche nel 1814 al momento in cui nacque la nostra bella Istituzione. Forse lo furono dopo Caporetto (1917), l’8 settembre 1943 ed altri difficili momenti del celebrato bicentenario. In tutte le circostanze i Carabinieri si distinsero per il ripristino dell’ordine e della sicurezza, per garantire un armonico sviluppo economico e sociale della Patria. Siamo pronti a farlo anche ora. Cerchiamo, con il vostro aiuto, il modo migliore per farlo.
RISPONDETE PERCIO’ AL NOSTRO SONDAGGIO E DIFFONDETENE LA CONOSCENZA”.

Giancarlo Giulio Martini

  Iscrizione al Sindacato       Archivio Articoli
Polizia di Stato
Dalle origini della Polizia di Stato alla legge di riforma del 1981, oltre un secolo e mezzo di storia istituzionale degli uomini che hanno vestito il dovere. Dalla prima uniforme del Corpo delle Guardie di Pubblica Sicurezza del 1852, alle Guardie di Cittá, passando per le due guerre fino all'attuale Polizia di Stato.

continua...

Carbinieri
Il corpo fu creato da Vittorio Emanuele I di Savoia, re di Sardegna, con lo scopo di fornire al Piemonte un corpo di polizia simile a quello francese della Gendarmerie. I compiti di polizia in quel periodo erano svolti dai Dragoni di Sardegna, corpo creato nel 1726 e composto da volontari, mentre parallelamente andava sviluppandosi il progetto di un apposito Corpo delle Guardie di Pubblica Sicurezza.

continua...

Polizia Penitenziaria
Il Corpo di Polizia Penitenziaria è l'erede del Corpo delle Guardie Carcerarie, creato nel 1873, poi riformato nel Corpo degli Agenti di Custodia (1890), ad ordinamento militare. Nel 1922 l'amministrazione passa dall'allora Ministero dell'Interno al Ministero di Grazia e Giustizia. Nel 1990, con la legge n. 395 del 15 dicembre, il Corpo assume la nuova denominazione e viene smilitarizzato, ritornando dal dicastero degli Interni a quello della Giustizia..

continua...

Guardia di Finanza
La Guardia di Finanza è il corpo più antico dello Stato, che troviamo giá nel Regno di Sardegna e che trae le sue origini dalla legione truppe leggere (1774) così come testimoniato dal decreto di nomina di Gabriel Pictet come primo comandante il 5 ottobre 1774 da parte di Vittorio Amedeo III di Savoia. Il reparto di fanteria leggera dell'esercito sabaudo con compito accessorio del presidio delle frontiere, viene sciolto con la creazione delle repubbliche filonapoleoniche del nord Italia, ricostituito sotto il nome di legione reale leggera e sciolto definitivamente nel 1821.

continua...

Corpo Forestale dello Stato
Il Corpo Forestale dello Stato nacque il 15 ottobre del 1822 su istituzione del re di Sardegna Carlo Felice di Savoia, allora si chiamava "Amministrazione forestale per la custodia e la tutela dei boschi". Durante il fascismo, nel 1926, il corpo, chiamato allora "Corpo Reale delle Foreste", viene soppresso e nasce la "Milizia Nazionale Forestale"..

continua...